Un albero alla volta

Piccola premessa: questa scoperta l’ho fatta cercando un regalo di Natale per mio marito, che purtroppo è allergico al 98% dei materiali coi quali vengono fatti gli orologi.
Seconda piccola premessa: ci tengo a farvi conoscere questa realtà perchè la amo, nessuno ci sta pagando per parlarvene. Mi sembrava doveroso sottolinearlo.

Dicevamo: ecco che mi sono imbattuta in un’azienda tutta italiana, nata a Firenze ma ormai diffusa in tutto il mondo. 

E quale sarà mai la particolarità di questa azienda?

Producono orologi che sono fatti in legno. E allora ora mi direte: “Non starai mica proponendoci di disboscare a sinistra e a destra per i tuoi polsi, vero?“. No, infatti. Quello che vi propongo è di vedere i prodotti di un’azienda che cerca di sostituire materiali meno buoni, come la plastica, con materiali migliori, occupandosi fra l’altro dell’ambiente.

WeWood, infatti, non si limita a produrre dei bellissimi orologi interamente in legno e provenienti da materiali riciclati, ma si occupa di prendersi cura dell’ambiente usando materiali biodegradabili, privi di sostanze chimiche e tossiche.

slide6

Nel sito italiano riportano: “In WeWOOD utilizziamo materiali sostenibili e riciclati, per creare i nostri orologi di lusso, eliminando i danni ambientali e ripristinando le risorse utilizzate per creare ogni orologio. Realizziamo questi orologi con grande rispetto e responsabilità verso l’ambiente“.

E come? La prima cosa è quella che ho trovato più bella (sembro burbera ma sono una tenerona): ogni orologio acquistato corrisponde a un albero piantato e vi viene, su vostra richiesta, inviato un certificato che attesta questa cosa.

Quindi a Natale ho regalato a mio marito un orologio e un albero (con tanto di bigliettino romantico strappalacrime sull’amore eterno etc. etc. etc.).

Pertanto, facendo mente locale:

1) usiamo materie prime buone
2) ricicliamo
3) non inquiniamo
4) ripristiniamo un ambiente più verde per tutti
5) arriviamo in perfetto orario ahhahaha! (No…questo non funziona per tutti, con me ad esempio non ha funzionato. Ma io arrivo in ritardo anche con 12 orologi al polso, in pratica sono il Bianconiglio).

slide1

Ci sono altri dati che ho parecchio apprezzato: gli orologi sono realizzati con 6 legni diversi combinati tra loro e dal sito ne scopriamo anche la storia, il profumo, le caratteristiche. Perchè ogni orologio profuma, delicatamente. 

Inoltre, sono oggetti unici e tutti diversi tra di loro, perchè il legno è diverso anche se la tipologia di pianta è la stessa, e in base alla stagione e all’età del legno possono variare leggermente anche i colori, da più scuri a più chiari rispetto a ciò che vediamo in foto.

Trovo questo elemento splendido: diversi orologi, diverse intensità di colore e profumo, diverse scuse per essere in ritardo, perchè tra l’altro non sbagliano un colpo quindi è colpa mia e basta, o del traffico, o del parcheggio, o della vicina… 

L’obiettivo principale di WeWOOD è quello di portare l’eleganza, lo stile e il lusso in un orologio di legno senza compromettere le preziose risorse della Terra. Grazie alla collaborazione con American Forests e Trees for the Future, dal 2010 a oggi WeWOOD è riuscita a piantare oltre 300.000 alberi e vogliamo arrivare ad 1 milione di alberi piantati entro il 2020. Il nostro impegno è di ripristinare l’ambiente e migliorare la Terra, un albero alla volta“.

Tra l’altro, ho scoperto che adesso producono anche occhiali da sole in cotone. Cioè, questi signori prendono le fibre di cotone e tutti i materiali sostenibili che riescono a trovare e li utilizzano per fare occhiali da sole, che volendo possono essere usati (con le opportune lenti) come occhiali da vista.

Niente plastica, niente materiali orribili e la regola del “piantiamo un albero” che vale per ogni prodotto WeWood.

Quindi, perchè dobbiamo continuare a inquinare inutilmente?

Io adesso vado, che pianto un albero. E già che ci sono mi prendo un orologio, perchè sono in ritardo come al solito. Prima, però, vi lascio il link anche alla loro pagina facebook, che non si sa mai.

Fonte delle foto: qua

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Food Blog Theme from Nimbus
Powered by WordPress